Diario di viaggio: California e parchi dell’ovest 🇺🇸

Un viaggio strepitoso percorrendo 2800 miglia sulle mitiche strade americane, vivendo un’avventura assolutamente indimenticabile.

 

SDC11834


Periodo: 4-18 settembre 2010

Il viaggio in California era nei miei sogni da sempre e finalmente si è realizzato. Partiamo in quattro, da Roma Fiumicino, con volo US Airways delle ore 11,30 con scalo a Philadelphia.

Dopo qualche ora di sonno, un film e quattro chiacchiere finalmente dal finestrino cominciamo a vedere scorci di America e l’adrenalina inizia a farsi sentire; mentre sorvoliamo in serata Los Angeles ci sembra incredibilmente enorme e le luci non finiscono mai! Atterriamo all’Interational Airport LAX con qualche ora di ritardo e sbrigate le pratiche in dogana procediamo al ritiro dei bagagli.  

Ci viene a prendere Marco, il cugino di mio cugino, e prima di andare a casa ci porta a Beverly Hills Hotel per un drink, ma siamo in condizioni pessime e preferiamo andare in un pub meno chic…quante luci e che aria si respira a Los Angeles!

Giorno 2

Il giorno seguente, svegli di buon’ora a causa del fuso orario, i maschi vanno a fare jogging sulle colline di Glendale e alle 13 siamo pronti per andare al “Taste of Beverly Hills”, un evento con tutti i migliori chef di Los Angeles che si svolge al Hotel Beverly Hilton, celebre per essere dal 1961 la sede del premio annuale Golden Globe, e negli anni ha ospitato numerose celebrità. Ci sono tantissimi stand e tavoli all’aperto e non possiamo evitare di fare qualche foto sul Red Carpet!

Alle 17 si va al Baby shower, ovvero la festa del bimbo che deve nascere, nel quartiere di Beverly Hills…mi sembra di stare in un film…siamo vicini degli Osborne! La serata procede benissimo e ci divertiamo molto. 

Giorno 3

california2010 (7)

E’ lunedì 6 settembre, ed è il giorno del mio compleanno! Passiamo a prendere Michael, il fratello di Marco, che abita in una favolosa casa a Santa Monica e andiamo a pranzo a Malibù al ristorante “Tra di noi”, famoso perché frequentato da tutte le star di Hollywood e lo si vede dalle molte foto sulle pareti. Grazie allo chef Francesco abbiamo mangiato divinamente! Oggi però é anche il Labour Day ovvero la Festa nazionale dei lavoratori, che si celebra ogni primo lunedì di settembre, e c’è troppo movimento per vedere qualche star. In compenso conosciamo un simpatico dottore che ci invita a visitare la sua splendida casa sulle colline di Malibu, con una magnifica vista sull’oceano. Mentre sorseggiamo un drink, ascoltiamo i racconti della sua vita e ammiriamo le tantissime foto sulle pareti in salotto, che lo ritraggono in compagnia delle star più famose di Hollywood.

In serata c’è la festa al ristorante Cecconi’s ma prima di andare a dormire andiamo a prendere una birra al Viper’s room, locale di Jonny Deep con musica da vivo, sulla luccicante Sunset Boulevard.

DSC05024

Giorno 4

Oggi si parte per il nostro “tour on the road”. Raggiungiamo il noleggio Hertz all’aeroporto LAX. Abbiamo già prenotato l’auto dall’Italia ma riusciamo a modificare la prenotazione passando ad un’auto di categoria superiore (classe B), visti i molti km che faremo nei successivi 7 giorni.

Partiamo in direzione Las Vegas e facciamo tappa a Barstow per spendere qualche dollaro in un mega Outlet. Prima di riprendere la marcia, acquistiamo per 8$ il contenitore in polistirolo che ci sarà fondamentale per tenere in fresco le bibite durante tutto il nostro viaggio. Ci vorranno circa un paio di ore per raggiungere Las Vegas, ma il percorso è talmente incredibile che non riusciamo a non impiegarci di più per ammirarlo. La vastità degli spazi è proprio come me la immaginavo, strade che attraversano un paesaggio desertico affascinante.  In serata arriviamo nella luccicante Las Vegas.

Il nostro hotel per due notti è il fantastico Hard Rock prenotato su expedia al costo totale di 110 $. La camera è davvero spaziosa e dotata di ogni comfort. Scendiamo a fare un giro nel casino e ammiriamo le numerose bacheche con i gadget di tutti i grandi del rock. Notiamo che nessun orologio c’é all’interno… il tempo non deve avere nessuna importanza per i giocatori!

Giorno 5

Il giorno seguente il caldo si fa sentire, e decidiamo di andare al Premium Outlet. Intorno alle 16 torniamo in hotel e dopo un riposino e una doccia si parte alla scoperta dei casinò!

Prendiamo un taxi in direzione Hotel Venetian che è a metà della Strip. Mi sembra tutto così incredibile! Il campanile di San Marco, il palazzo ducale, il ponte dei sospiri, la torre dell’orologio, le gondole! Dal ponte Rialto assistiamo all’eruzione del vulcano all’Hotel Mariott, poi ci spostiamo verso il Bellagio per assistere allo spettacolo delle fontane …è meraviglioso e sembra di stare in un sogno. Visitiamo il Cesar Palace e poi la torre Eiffel, infine New York. Sembrano vicinissimi tra di loro ma per visitarli ci vogliono ore! Siamo stanchissimi e decidiamo di rimandare la visita ad altri casinò, visto che tra due giorni torneremo a Las Vegas.

Giorno 6

Si parte alla volta del Grand Canyon North. Percorriamo la Interstatale 15 a nord e la Scenic Byway 9 a est, attraversando lo Zion National Park. L’entrata nel parco costa 25 $ ma decidiamo di acquistare il National Park Pass al costo di 80$, così da non avere il problema ogni volta di pagare il biglietto. Il paesaggio offerto dallo Zion è incredibile, caratterizzato da rocce vecchie di due miliardi di anni!

Arriviamo al Grand Canyon North Rim intorno alle 13, pranziamo al Lodge e dopo aver acquistato qualche souvenir ci dirigiamo verso il punto più alto di tutto il Grand Canyon: Point Imperial a circa 5000 metri.

Non credo si possa descrivere una simile bellezza della natura e nemmeno centinaia di fotografie possono immortalalo. Il Grand Canyon va visto e va contemplato! E’ qualcosa di unico che ti resta impresso nella mente. Altro punto panoramico è Angel Window, praticamente una roccia che fuoriesce a punta nel Canyon con una gigantesca finestra al centro.

La natura è davvero incredibile…non si può raccontare l’emozione che abbiamo provato, per quante foto e documentari vedrete sul Grand Canyon, vederlo e viverlo di persona è tutta un’altra cosa!

Intorno alle 18 ripartiamo alla volta di Page, dove arriveremo tardissimo, ma per la strada assistiamo ad uno spettacolo mozzafiato…nell’oscurità del Marble Canyon il cielo è pieno di stelle, é la via lattea! Credo siamo rimasti ad ammirarla per circa 15 minuti prima di renderci conto che erano le 10 di sera!!!! Arriviamo al nostro Hotel intorno alle 11 e dopo aver scaricato i bagagli andiamo a mangiare nei pressi del Motel in una Stekhouse.

Giorno 7 🏜

Il giorno successivo potevamo fare un escursione all’Antelope Canyon, ma abbiamo preferito dirigerci nel cuore del west: direzione Monument Valley, nello stato dello Utah! Arriviamo dopo circa 3 ore di auto, con un fuso orario di un’ora, attraversando magnifici paesaggi.

L’ingresso costa 5$ a persona e non rientra nel national park pass perché si entra in una riserva indiana, quella dei Navajo. I tre dei famosi Butte (formazioni rocciose) sono meravigliosi e imponenti e ci fanno ricordare che fecero da sfondo a moltissimi film western.

california2010 (68)

Non possiamo purtroppo percorrere tutti i 17 miglia (quasi 30 km) di tragitto sterrato perché dobbiamo ancora vedere il Lago Powell e raggiungere Las Vegas, quindi ci rimettiamo in marcia.

Arriviamo sulla colossale diga del Glan Canyon, detto Lago Powell, e i colori sono sensazionali, di un blu elettrico. Questo lago è stato creato artificialmente da una diga sul fiume Colorado che ha provocato il riempimento di un canyon. E’ strano passare sulla diga, perché da una parte c’è il canyon vuoto e se ne vede la profondità, mentre dall’altra c’è questa distesa d’acqua blu. Questa zona è al confine con 2 stati (Arizona, Utah) e quindi c’è anche un fuso di un’ora!

Dopo qualche ripresa e foto, proseguiamo sulla Highway 163 a sud fino a Kayenta, Arizona, e arriviamo intorno alle 19 a Las Vegas.

ll nostro hotel è sulla Strip, il Sahara, famoso per avere come ospite il mitico Elvis Presley! Infatti l’hotel è un tantino vecchio (risale al 1950)…ma una notte si può fare! Ceniamo in uno dei ristoranti dell’hotel e, dopo una bella rinfrescata, ci dirigiamo verso il Circus dove assistiamo ad uno spettacolo circense. Quindi al Tresure Island dove si svolge lo spettacolo dei pirati sul galeone.

In giro c’è tantissima gente e fa molto caldo. Siamo svegli dalle 7 e abbiamo avuto una giornata molto piena, riusciamo a camminare fino al Paris prima di prendere un taxi per rientrare in hotel.

Giorno 8

Oggi ci aspetta una giornata molto lunga e molti kilometri per raggiungere lo Yosemite national Park. Lasciamo Las Vegas intorno alle 8 in direzione Death Valley dove arriviamo intorno alle 10.

Decidiamo di fermarci presso il punto panoramico chiamato “Zabriski Point” per ammirare questo stupendo panorama infuocato. Poi ci dirigiamo verso Badwater…a 86 metri sotto il livello del mare. Il caldo si fa sentire…siamo a quasi 50° e in più siamo molto affamati.

Pranziamo a Furnace Creek (buffet favoloso, a soli 10 euro a testa!) e dopo un buon caffé espresso nel Saloon e qualche acquisto al gift shop proseguiamo verso le Mosquito sund dunes. Il paesaggio è incredibilmente affascinante…non si sentono rumori…a parte quello “silenzioso” del caldo…

Intorno alle 17 ci rimettiamo in marcia, passiamo per Bishop dove ci fermiamo a cena prima di affrontare il Tioga Pass a 9000 piedi (oltre 4000 m. sul livello del mare) …oddio ma è quasi mezzanotte! Ci siamo resi conto di essere stati un pochino sciagurati solo il giorno dopo! Però attraversare il parco di notte è incredibile…abbiamo visto tanti cerbiatti ma, per fortuna, nessun orso! Arriviamo al nostro hotel intorno all’1 di notte e andiamo subito a nanna.

Giorno 9

Visitiamo il Parco Yosemite. La nostra prima tappa è Glacier Point, con una magnifica vista sulla parete di El Capitan. Il panorama è incredibile. In lontananza scorgiamo anche le cascate!

Quindi ci dirigiamo verso Inspiration Point dove ammiriamo l’Half Dome…poi al punto più fotografato del parco, Sentinel Point, con le rocce di granito sullo sfondo e un fiume trasparente, infine verso le Breil Falls fantastiche cascate ancora a pieno carico.

Mangiamo qualcosa al Lodge e intorno alle 16 ci rimettiamo in macchina in direzione San Francisco.

Mentre attraversiamo il parco in uscita ci rendiamo conto di quanto sarebbe stato bello dedicare più tempo a questo meraviglioso luogo! Arriviamo in serata a San Francisco. Il nostro hotel, Beresdorf, è vicino Union Square.

Giorno 10

Abbiamo una giornata intera per visitare Frisco. Ci dirigiamo verso Union Square per prendere il famoso Cable Car. Decidiamo di fare il cable car passaport al costo di 13$ per spostarci liberamente tutto il giorno con i mezzi pubblici.

Scendiamo a Lombard Street, famosa strada che con 8 tornanti consecutivi, risulta essere la strada più tortuosa del mondo, poi proseguiamo a piedi verso North beach, il quartiere italiano, e ci fermiamo per un espresso da Mario’s Cafe. Quindi raggiungiamo Ghirardelli Square, per acquistare la famosa cioccolata.

Proseguiamo in direzione del Fisherman’s Warf tra negozi di souvenir e ci fermiamo a pranzo da Cioppino’s dove finalmente assaggio la zuppa di crab (granchio)…assolutamente fantastica!

Raggiungiamo il Pier 39 per vedere la colonia di leoni marini e ammirare il panorama della baia. Il Golden Gate Bridge è offuscato dalla nebbia ma l’isola di Alcatraz è visibile benissimo. Facciamo un giro tra i negozi di souvenir e qualche foto da Bubba Gump dove c’è la panchina di Forrest Gump con le scarpe e la valigia!

california2010 (139)

Sono quasi le 18 e decidiamo di prendere l’autobus per dirigerci al Golden Gate Bridge e, che dire…lascia senza parole. L’atmosfera sulla baia è incredibile. Dopo aver scattato qualche foto, percorriamo un tratto del ponte, mentre le luci piano piano lo illuminano e le centinaia di auto lo attraversano. Siamo estasiati e non riusciamo ancora a credere di essere qui su!

Rientramo in hotel intorno per una rinfrescata e andiamo a mangiare un’ottima pizza a pochi passi dall’Hotel.

Giorno 11

Oggi si torna a Los Angeles. Ci aspettano più di 800 km lungo la Higway 1, attraversando il Big Sur …la costa è meravigliosa…la vista sull’oceano lascia senza parole.

Attraversiamo il Rocky creek bridge (costruito nel 1932), e facciamo diverse tappe per fotografare i bellissimi promontori a picco sull’Oceano Pacifico da cui si vedono calette, scogli e lagune piene di kelp (alghe lunghe e marroni che sono tipiche di quel tratto di costa).

california2010 (149)

Poi arriviamo a Piedras Blancas Colony dove vive una colonia di elefanti marini che riposano sulla spiaggia e giocano nell’acqua.

DSC05687

Ceniamo a Morro Bay in un ristorante italiano. Arriviamo a Los Angeles intorno alle 21 e, distrutti dal viaggio, andiamo a nanna.

Giorno 12

Il giorno seguente ci aspettano gli Universal Studios. Il parcheggio è a pagamento e decidiamo di pagare quello più vicino all’entrata per 20$. Il biglietto del parco è un pochino costoso, 74 $, ma ne vale la pena.

Restiamo nel parco fino alla chiusura, alle 17, poi facciamo un giro tra i negozi del centro di LA e quindi rientriamo a casa per prepararci. La sera andremo a cena da amici italiani.

Giorno 13

Oggi visiteremo le principali attrazioni di LA. Prima tappa è il Kodak Theatre in Hollywood boulevard. Parcheggiamo l’auto al Reneissance hotel, proprio dietro il Kodak Theatre, al costo di 5$ (stati attenti perché ci sono anche altri parcheggi più visibili, gestiti da messicani, ma costano 15 $).

Da lì c’è una splendida vista sulla collina Hollywood e dopo aver scattato qualche foto, scendiamo su Hollywood boulevard e percorriamo un pezzo della kilometrica Walk of fame, con circa 2000 stelle recanti i nomi delle celebrità, poi andiamo al Grauman’s Chinese Theatre, per fotografare le impronte dei divi del cinema immortalate nel cemento…per fortuna non c’è molta gente e posso “emozionarmi” appoggiando le mani in quelle delle mie star preferite!

Sono le 13 e ci dirigiamo verso Rodeo Drive…parcheggiamo al Valet parking (per 2 ore non si paga nulla) e prendiamo l’ascensore. La strada, famosa per tanti film, ha una serie infinita di negozi con molte firme italiane, Versace, Cavalli, Armani, Gucci, e ovviamente Vuitton, Tiffany…ma di Brad Pitt o Jack Nicholson neanche l’ombra, chissà, forse non è giorno di shopping !

Sono le 14.30 e decidiamo di andare al Santa Monica Pier, ovvero il pontile di legno più famoso al mondo, scelto da molti film e serie televisive.

Pranziamo al Rusty’s surf Runch a base di hamburger di granchio con insalata ed anelli di cipolla ! Percorriamo tutto il molo e poi scendiamo in spiaggia. Fa un pò freddo ma c’è gente che fa il bagno, sia in costume che con i vestiti! Fantastiche le “casette” dei Baywatch!

Giorno 14

È venerdì ed è anche l’ultimo giorno a Los Angeles. Andiamo a Venice beach, luogo di fondazione della rock band “The Doors”.

Sul bizzarro e animato lungomare, Venice Boardwalk, si trova di tutto : negozi vintage, cartomanti, lettori dei piedi, delle mani, della faccia, della sfera di cristallo, massaggiatori, e chi più ne ha più ne metta.

Gente di tutti i tipi, hippy, vagabondi, skaters che si allenano sulle rampi dello Skate Park, surfers, gente in bicicletta, sportivi che fanno ginnastica sulla spiaggia e si esibiscono sulla Muscle Beach.

Poi i murales del Graffiti Park, le sculture di sabbia, negozi che vendono mariujana con la prescrizione del medico.

Infine i canali, dai quali inspiró il nome il suo fondatore, Abbot Kinney, affascinato dalla città di Venezia.

SDC11953

Per pranzo decidiamo di andare al Citadel Outlet a spendere gli ultimi dollari e dopo ore in mezzo al traffico torniamo a casa a preparare i bagagli.

Giorno 15

L’aereo parte alle 7,30 e alle 5,30 di mattina dobbiamo riconsegnare la macchina. Purtroppo la vacanza è finita.

Abbiamo percorso circa 4500 km attraversando paesaggi incredibilmente belli e totalmente diversi, passando nell’arco di una giornata, dal deserto alla montagna, dal mare alla città!

È stato un viaggio strepitoso che ci ha lasciato il ricordo di un’avventura assolutamente indimenticabile.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...